Skip Navigation LinksHome > Epidemie e sistemi economici

Epidemie e sistemi economici

Epidemie e sistemi economici


Le epidemie possono determinare un impatto diretto e indiretto sulle economie molto importanti. L’intensità e la profondità degli effetti dipendono da una serie di fattori:
  • durata del periodo di espansione della malattia;
  • aree e paesi coinvolti;
  • livello di allarme sociale e relativo impatto sui modelli di consumo.

 

D’altra parte il XXI secolo si sta caratterizzando per il succedersi di epidemie che hanno creato grande allarme sociale e danni economici rilevanti, SARS, MERS in Corea del Sud, Ebola nel Golfo di Guinea e nella Repubblica Democratica del Congo, Zika Virus in America Latina.
Questa sezione, che è stata creata nel pieno della crisi dell’infezione COVID-19, è dedicata proprio all’approfondimento e all’esame dei rischi che derivano da queste relazioni.

Bollettini COVID-19

#10 Covid-19 n.10 del 28 Aprile 2020 (Scarica Documento)     
In questo numero:
  • Il numero dei contagiati sta rallentando in Europa anche se permangono ancora forti dinamiche nella parte orientale del continente. Rimane elevato il contagio negli Stati Uniti e nel Canada e crescono le preoccupazioni per l’America Latina e, in parte per l’Asia.
  • Gli indici dei prezzi dei noli marittimi, che inglobano un segnale del livello di attività economica e commerciale globale, si sono allineati puntando verso una significativa discesa dei prezzi dei noli.
  • Gli indici globali azionari dopo aver evidenziato una brusca caduta da inizio anno sono in leggera ripresa. La correlazione tra i diversi mercati, cresciuta moltissimo durante la caduta, in questa fase di ripresa si attenua con movimenti differenziati tra le diverse piazze finanziarie
  • La curva delle emissioni governative USA e quella dei Titoli di Stato italiani si sono mantenute allo stesso livello della settimana precedente.
  • Il prezzo del petrolio, malgrado i tagli decisi sul versante della produzione, continua a scendere mettendo in luce lo scontro in atto tra i diversi paesi produttori

torna su
#9 Covid-19 n.9 del 20 Aprile 2020 (Scarica Documento)     
In questo numero:
  • Il numero dei contagiati ha raggiunto un livello molto elevato. Da una parte è iniziata una riduzione dello sviluppo della malattia in Europa, dall’altra aumentano le preoccupazioni per l’America Latina e l’Asia.
  • Gli indici dei prezzi dei noli marittimi, che inglobano un segnale del livello di attività economica e commerciale globale, si differenziano, recupera parzialmente il Baltic Dry Index ma scendono ulteriormente i valori dei noli delle navi container che trasportano i beni finiti e i semilavorati
  • Gli indici globali azionari dopo aver evidenziato una brusca caduta da inizio anno sono in leggera ripresa. La correlazione tra i diversi mercati, cresciuta moltissimo durante la caduta, in questa fase di ripresa si attenua con movimenti differenziati tra le diverse piazze finanziarie
  • La curva delle emissioni governative USA continua a manifestare una riduzione dei tassi. Anche la curva italiana si mantiene stabile risentendo positivamente delle misure assunte dalla BCE.
  • Le economie stanno indirizzandosi verso una pesante recessione confermata in modo concordante da una serie di indicatori dell’economia reale pubblicati in questa settimana
  • Il prezzo del petrolio, malgrado i tagli decisi sul versante della produzione, continua a rimanere molto basso
  • Focus sul settore delle linee aeree, uno di più colpiti dalla crisi

torna su
#8 Covid-19 n.8 del 14 Aprile 2020 (Scarica Documento)     
In questo numero:
  • Il numero dei contagiati cresce in modo molto accentuato, +65% in una settimana, mentre a livello disaggregato la situazione è molto articolata con paesi che apparentemente hanno raggiunto il picco dei contagi e altri che sono ancora nel pieno dello sviluppo della malattia
  • Gli indici dei prezzi dei noli marittimi, che inglobano un segnale del livello di attività economica e commerciale globale, continuano nella discesa
  • Gli indici globali azionari dopo aver evidenziato una brusca caduta da inizio anno sono in leggera ripresa. La correlazione tra i diversi mercati e cresciuta moltissimo, anche se l’Europa sta risentendo in misura maggiore della crisi
  • La curva delle emissioni governative USA continua a manifestare una riduzione dei tassi. La curva italiana mantiene una certa stabilità a conferma dell’effetto positivo delle misure assunte dalla BCE.
  • E’ stato siglato un accordo tra i paesi produttori di petrolio per stabilizzare il prezzo anche se i tagli decisi per quanto consistenti potrebbero non essere sufficienti per compensare la caduta della domanda

torna su
#7 Covid-19 n.7 del 7 Aprile 2020 (Scarica Documento)      (descargar el documento)
In questo numero:
  • Il numero dei contagiati ha raggiunto un livello molto elevato guidato soprattutto dai paesi europei e dagli Stati Uniti. A questo si accompagna anche la crescita dei morti. Si sta assistendo comunque a un rallentamento del tasso di crescita effetto delle politiche di contenimento attuate in tutto il mondo
  • Gli indici dei prezzi dei noli marittimi, che inglobano un segnale del livello di attività economica e commerciale globale, continuano nella discesa
  • Gli indici globali azionari dopo aver evidenziato una brusca caduta da inizio anno sono in leggera ripresa. La correlazione tra i diversi mercati e cresciuta moltissimo
  • La curva delle emissioni governative USA continua a manifestare una riduzione dei tassi. Anche la curva italiana ha risentito positivamente delle misure assunte dalla BCE.
  • Le economie stanno indirizzandosi verso una pesante recessione confermata dalle prime stime ufficiali e dagli indicatori sulla fiducia delle imprese
  • Focus sulla plausibilità di un permanere di una soluzione di emergenza sanitaria nel medio periodo almeno fino alla scoperta di un vaccino efficace

torna su
#6 Covid-19 n.6 del 30 Marzo 2020 (Scarica Documento)     
In questo numero:
  • Lo sviluppo della curva epidemica mantiene a livello globale un andamento esponenziale. Gli Stati Uniti sono diventati il paese con il maggior numero di contagiati, mentre in Europa la Spagna si sta avvicinando ai valori dell’Italia.
  • Gli indici dei prezzi dei noli marittimi, che inglobano un segnale del livello di attività economica e commerciale globale, si sono indirizzati verso la discesa.
  • Gli indici globali azionari evidenziano la brusca caduta da inizio anno
  • La curva delle emissioni governative USA continua a manifestare una ampissima riduzione dei tassi, soprattutto nella parte a breve conseguenza delle decisioni delle autorità monetarie. Anche la curva italiana ha risentito positivamente delle misure assunte dalla BCE
  • Focus sulla azione della BCE e dell’impasse di un’azione coordinata da parte degli stati europei.

torna su
#5 Covid-19 n.5 del 23 Marzo 2020 (Scarica Documento)      (descargar el documento)
In questo numero:
  • Lo sviluppo della curva epidemica mostra un andamento dei nuovi casi che sta disegnando un nuovo picco ben peggiore di quello che si era registrato nella prima fase di diffusione della malattia in Cina. I nuovi focolai crescono continuamente di numero e si sta consolidando la diffusione della malattia nei paesi africani e in America Latina. Gli Stati Uniti si avviano ad essere uno dei paesi con il maggior numero di infettati;
  • Gli indici dei prezzi dei noli marittimi, che inglobano un segnale del livello di attività economica e commerciale globale, si sono indirizzati verso la discesa;
  • Gli indici globali azionari dei settori più esposti alle conseguenze del diffondersi della epidemia sono in drastica discesa seguendo e approfondendo i movimenti di tutte le borse mondiali;
  • La curva delle emissioni governative USA, asset class rifugio per eccellenza, mostra una ampissima riduzione dei tassi, soprattutto nella parte a breve conseguenza delle decisioni delle autorità monetarie. Al contrario la curva italiana si muove verso un allargamento dei tassi mossa dalla incertezza sul nostro paese, il più colpito in questo momento dall’andamento dell’epidemia. Tale movimento è però in parte contenuto grazie all’azione della BCE;
  • Considerazioni a margine della decisione della Consob di vietare le vendite allo scoperto.

torna su
#4 Covid-19 n.4 del 17 Marzo 2020 (Scarica Documento)     
In questo numero:
  • Lo sviluppo della curva epidemica sta disegnando un nuovo picco ben peggiore di quello che si era registrato nella prima fase di diffusione della malattia in Cina. Nuovi focolai in Europa e Medioriente stanno alimentando l’epidemia mentre per la prima volta si registrano casi importanti in diversi paesi africani e della America Latina;
  • Gli indici dei prezzi dei noli marittimi, che inglobano un segnale del livello di attività economica e commerciale globale, rimangono molto deboli;
  • Gli indici globali azionari dei settori più esposti alle conseguenze del diffondersi della epidemia sono in drastica discesa seguendo e approfondendo i movimenti di tutte le borse mondiali;
  • La curva delle emissioni governative USA, asset class rifugio per eccellenza, mostra una ampissima riduzione dei tassi, mentre al contrario la curva italiana si muove verso un allargamento dei tassi mossa dalla incertezza sul nostro paese, il più colpito in questo momento dall’andamento dell’epidemia

torna su
#3 Covid-19 n.3 del 10 Marzo 2020 (Scarica Documento)      (descargar el documento)
In questo numero:
  • Lo sviluppo della curva epidemica conferma la formazione di un secondo picco di nuovi malati creato dalla composizione delle distinte curve dei paesi epicentro dei nuovi focolai. Italia, Corea de Sud e Iran sono i paesi che più contribuiscono alla crescita dell’infezione;
  • Gli indici dei prezzi dei noli marittimi continuano la fase di relativo rallentamento;
  • Gli indici globali azionari dei settori più esposti alle conseguenze del diffondersi della epidemia sono in drastica discesa bruciando il primo recupero seguito all’intervento delle banche centrali. ;
  • I titoli di alcune imprese coinvolte più direttamente nella gestione della crisi (ad es. biotecnologia o produzione di apparati di sicurezza) mostrano significativi risultati che devono però essere confrontati con livelli di volatilità enormi (Nuovo paragrafo);
  • La curva delle emissioni governative USA, asset class rifugio per eccellenza, mostra una ampissima riduzione dei tassi (Nuovo paragrafo);
  • Il word cloud fotografa la prevalenza del tema della COVID;
  • La mappa causale evidenzia l’estensione degli effetti diretti e indiretti della epidemia sul sistema economico

torna su
#2 Covid-19 n.2 del 3 Marzo 2020 (Scarica Documento)      (descargar el documento)
In questo numero:
  • La curva epidemica mostra come il numero di nuovi casi in Cina stia regredendo, ma questa riduzione è compensata dall’aumento dei malati nel resto del mondo. (Nuova sezione);
  • Gli indici dei prezzi dei noli marittimi, che inglobano un segnale del livello di attività economica e commerciale globale sono in fase di relativo rallentamento;
  • Gli indici globali azionari dei settori più esposti alle conseguenze del diffondersi della epidemia sono in drastica discesa. (Nuova sezione);
  • Il word cloud costruito sulla base dell’analisi di big data fotografa la prevalenza del tema della COVID nel panorama delle emergenze epidemiche mondiali (Nuova sezione);
  • La mappa causale evidenzia l’estensione degli effetti diretti e indiretti della epidemia sul sistema.

torna su
#1 Covid-19 n.1 del 26 Febbraio 2020 (Scarica Documento)
Le epidemie possono determinare un impatto diretto e indiretto sulle economie molto importanti. In considerazione dello sviluppo della situazione globale in merito alla diffusione della infezione COVID-19 occorre monitorare una pluralità di indicatori in modo da considerare anche la possibilità del verificarsi dello scenario peggiore e il relativo impatto sui portafogli

torna su

Monitoraggio Rischio

Questa sezione presenta documenti utili all’approfondimento del complesso di questioni che caratterizzano il rapporto tra epidemie e sistemi economici.
Riunione Comitato rischi del 29 aprile 2020 (scarica i lucidi)
Lucidi della riunione straordinaria del Comitato rischi del 29 aprile 2020.

Il Comitato rischi è la riunione mensile nella quale BM&C espone agli investitori istituzionali che si avvalgono dei nostri servizi i punti critici che emergono dal monitoraggio dei rischi svolta in via continuativa sulla piattaforma societaria. Considerata la situazione di emergenza la riunione si è tenuta in forma ridotta e in teleconferenza

torna su
  Riunione Comitato rischi del 8 aprile 2020 (scarica i lucidi)
Lucidi della riunione Lucidi della riunione straordinaria del Comitato rischi del 8 aprile 2020.

torna su
  Riunione Comitato rischi del 25 marzo 2020 (scarica i lucidi)
Lucidi della riunione Lucidi della riunione straordinaria del Comitato rischi del 25 marzo 2020.

torna su
Riunione Comitato rischi del 11 marzo 2020 (scarica i lucidi)
Lucidi della riunione Lucidi della riunione straordinaria del Comitato rischi del 11 marzo 2020.

torna su
Cronologia dei fatti rilevanti del rapporto tra epidemie e sistemi economici e finanziari (Scarica Documento)
Il documento contiene una cronologia, aggiornata al 3 marzo 2020, dei fatti più rilevanti riguardanti le crisi sanitarie che si sono manifestate a partire dal 2014. Il documento è un estratto delle informazioni che sono disponibili- per tutti gli scenari sotto osservazione - all’interno nella parte riservata della piattaforma
torna su

Podcast "Parliamo di rischio"

In questa sezione sono presenti i link alle puntate del podcast “Parliamo di rischio” dedicate al tema delle epidemie. Le altre puntate sono disponibili nella sezione  informativa di questo sito.
Il podcast è disponibile anche sulle piattaforme Spreaker e Spotify
Effetti delle epidemie sui sistemi economici: cosa possiamo aspettarci dall’infezione da 2019-nCoV(Ascolta)
La puntata di oggi si occupa dell’infezione da coronavirus che tanta preoccupazione sta creando a livello globale. In particolare si parla degli effetti di questa epidemia e delle epidemie in generale sui sistemi economici e finanziari. Parlando di effetti economici di una epidemia si pensa immediatamente all’impatto più diretto che stiamo vivendo in queste giornate. Dobbiamo invece essere consapevoli che questi fenomeni generano un altissimo allarme sociale che a sua volta tende a modificare profondamente i modelli di consumo: le persone rinunciano a tutta una serie di attività che attengono alle relazioni sociali: trasporti, viaggi, ristoranti, consumo al dettaglio. Questi sono solo alcuni dei settori colpiti da quest’effetto di lungo periodo. Allo stesso tempo cresce il livello di incertezza e di insicurezza percepita.

torna su

VIDEO

In questa sezione sono presenti i link ai contributi video pubblicati su youtube che parlano delle conseguenze e economiche, finanziarie e sociali delle epidemie
Comitato Rischi BM&C
In questa sezione sono presenti i contributi video pubblicati sul canale Youtube di BM&C.
#1 #1 – Comitato Rischi (Guarda il video)
(Pubblicato il 27 marzo 2020)
Evoluzione della epidemia e impatto sulle grandezze finanziarie e sulla economia reale

torna su
Stresa Talks
In questa sezione sono presenti i link alle puntate dei video pubblicati su Youyube creati in collaborazione con la Casa Editrice Licosia e pubblicate sul canale “Stroncature 2020”.
Il link a tutte le altre puntate che non parlano del tema epidemie sono disponibili nella sezione "Parliamo di rischio" di questo sito.
#10 #10 – Cina: il fattore rischio(Guarda il video)
con Raffaele Bruni (BM&C), Nunziante Mastrolia (Casa editrice Licosia - Stroncature) e Carmine Pinto (Professore di Storia Contemporanea Università di Salerno) – Pubblicato il 20 aprile 2020

La sfida della Cina si sta giocando su scala globale, sia sul piano geografico che economico. Il contrasto tra la potenza economica raggiunta dal paese asiatico e le pratiche illiberali condotte sia sul piano interno che su quello internazionale fanno di questo paese uno dei principali elementi di instabilità e rischio a livello globale.
La gestione della crisi sanitaria e d’altra parte solo un esempio delle situazioni di crisi che possono emergere da questo incubatore
torna su
#9 #9 – Chi comanderà in Italia?(Guarda il video)
con Raffaele Bruni (BM&C), Nunziante Mastrolia (Casa editrice Licosia - Stroncature) e Carmine Pinto (Professore di Storia Contemporanea Università di Salerno) – Pubblicato il 5 aprile 2020

Una riflessione sulle prospettive dell’Italia alla luce di questa lunga esperienza di “contenimento sociale”
torna su
#8 #8 – La speranza europea (Guarda il video)
con Raffaele Bruni (BM&C), Nunziante Mastrolia (Casa editrice Licosia - Stroncature) e Luisa Trumellini (segretaria nazionale del Movimento Federalista Europeo) – Pubblicato il 5 aprile 2020

L’epidemia impone una soluzione coordinata tra gli Stati Europei, una strategia che al momento non sembra trovare spazio nelle risposte attivate dai singoli paesi. L’Unione Europea si trova così di fronte a un bivio: o evolvere in senso federale o percorrere una deriva centrifuga.
Eppure, l’Europa può fornire un contributo enorme per uscire dalla crisi economica affrontando ad esempio la questione del rilancio del welfare a livello sovranazionale o promuovendo iniziative di sviluppo delle imprese in grado di sostenere la ripresa anche in campo occupazionale
torna su
#7 #7 – Coranavirus e il ruolo della BCE (Guarda il video)
con Raffaele Bruni, Andrea Conti e Nunziante Mastrolia – Pubblicato il 5 aprile 2020

Le Banche centrali sono state le prime ad attivarsi per rispondere agli effetti delle crisi sanitarie. A questo si è aggiunta anche l’iniziativa dei governi, sebbene la stessa sia stata molto differenziata. Gli Stati Uniti più di tutti hanno avviato un piano di stimoli senza precedenti.
Queste misure garantiscono un decorso il più possibile ordinato durante la fase di recessione ma la vera partita si gioca sul piano sanitario e solo una sconfitta della malattia può assicurare la ripresa del ciclo.
torna su
#6 #6 – Coranavirus e la crisi dell’ordine liberale(Guarda il video)
con Raffaele Bruni (BM&C), Nunziante Mastrolia (Casa editrice Licosia - Stroncature) e Carmine Pinto (Professore di Storia Contemporanea Università di Salerno) – Pubblicato il 30 marzo 2020

Con questa puntata si inaugura una serie di incontri che si prefiggono l’obiettivo di aprire una discussione, a partire dalla gestione dell’esperienza della epidemia, per mettere a confronto il modello proposto dalle società chiuse o autocratiche (Russia, Cina …).
in alternativa a quello delle società aperte che ha assicurato in tutti questi anni il benessere e la crescita economica dei nostri paesi.
torna su
#5 #5 – Coranavirus e la sfida europea (Guarda il video)
con Raffaele Bruni (BM&C), Nunziante Mastrolia (Casa editrice Licosia - Stroncature) e Luisa Trumellini (segretaria nazionale del Movimento Federalista Europeo) – Pubblicato il 30 marzo 2020

Le difficoltà dei paesi europei nel coordinare una proposta congiunta sottolineano l’inadeguatezza dell’assetto istituzionale comunitario nell’offrire una risposta adeguata alle crisi economiche, sociali e sanitarie.
Allo stesso tempo la BCE ha attivato iniziative che hanno reso possibile la mitigazione dei contraccolpi sui mercati finanziari che altrimenti sarebbero stati devastanti.
Questo dimostra che il problema non sta nell’idea e nelle istituzioni comunitarie, ma negli stati nazionali incapaci di derogare alle proprie prerogative anche di fronte a situazioni drammatiche che tutti comprendono dovrebbero essere affrontate a livello sovranazionale.
torna su
#4 #4 – Epidemie e incertezza (Guarda il video)
con Raffaele Bruni, Andrea Conti e Nunziante Mastrolia – Pubblicato il 30 marzo 2020

L’epidemia di COVID-19 è solo una delle manifestazioni della crescente incertezza con cui dobbiamo convivere.
Quali strumenti cognitivi possiamo utilizzare per affrontare questo contesto così differente da quello molto più confortante di uno scenario di rischi misurabili
torna su
#3 #3 – Coranavirus e liberalismo (Guarda il video)
con Raffaele Bruni, Carmine Pinto e Nunziante Mastrolia – Pubblicato il 24 marzo 2020

torna su
#2 #2 – Coronavirus e il mondo che verrà (Guarda il video)
con Raffaele Bruni, Andrea Conti e Nunziante Mastrolia - Pubblicato il 21 marzo 2020

torna su
#1 #1 – Coronavirus e incertezza (Guarda il video)
con Raffaele Bruni, Andrea Conti e Nunziante Mastrolia - Pubblicato il 15 marzo 2020

torna su

Archivio storico

Di seguito vengono proposti due documenti che erano stati prodotti in coincidenza con le epidemie di Ebola e di MERS. Gran parte delle considerazioni svolte allora mantengono una grande attualità e sono alla base delle valutazioni che possiamo oggi proporre in coincidenza con la epidemia COVID-19 in corso.
Epidemie: rischi sanitari e rischi economici(Scarica Documento)
(Documento dell’8 giugno 2005 e realizzato in occasione dell’epidemia di MERS in Corea del Sud)

La diffusione delle epidemie e le modalità con cui le autorità sanitarie trattano queste emergenze presentano diverse analogie con lo sviluppo e la gestione dei rischi in campo economico.
Questo elemento di per sé giustifica l’attenzione che dovrebbe utilmente essere prestata all’osservazione dello sviluppo dei casi più significativi.
In aggiunta, vale la considerazione che ogni epidemia è destinata a provocare un impatto sulle economie che nei casi più gravi può raggiungere un livello molto rilevante. Dopo avere in passato affrontato il caso Ebola, con il presente documento vorremmo portare l’attenzione su quanto sta avvenendo in questi giorni in Corea del Sud; situazione che, pur non avendo avuto ancora avuto un’eco adeguata sui nostri media, sta investendo in modo drammatico uno dei paesi cardine dell’area del Pacifico.
L’emergenza riguarda la grave epidemia di Middle East Respiratory Syndrome esplosa nel paese a partire dal primo caso registrato il 20 maggio 20015.

torna su
L'epidemia del virus Ebola(Scarica Documento)
(Documento del 14 ottobre 2014 e realizzato in occasione dell’epidemia di Ebola nei paesi del Golfo di Guinea)

Anche se il rischio di contagio al di fuori delle aree geografiche all’interno delle quali si è esteso il focolaio è risultato da subito relativamente basso e poco probabile, l’epidemia di Ebola è stata a una delle più gravi emergenze sanitarie del XXI secolo.
I casi di contagio in Europa e negli Stati Uniti hanno fatto aumentare l’attenzione dell’opinione pubblica anche se, come spesso avviene in questi casi, ciò può portare ad enfatizzare le prospettive più catastrofiche e ad alimentare false informazioni e allarmismi.
Lo sviluppo della situazione ha suggerito di affrontare il tema sul piano dei rischi economici. A ciò va aggiunto l’interesse a esaminare i processi di diffusione di fenomeni pandemici per la loro evidente analogia con la degenerazione dei rischi sistemici in campo economico.

torna su